Gianluigi Bonanomi - Giornalista e formatore specializzato in comunicazione digitale 

Target: docenti delle scuole primarie e secondarie

Pensare che i ragazzi vivano una vita online e una reale è sbagliato. È vita e basta: un po’ in Rete e un po’ no.

Il genitore, spesso in difficoltà perché non riesce a stare al passo con le novità tecnologiche, dovrebbe accompagnare il ragazzo anche in Internet. Dovrebbe affiancarlo nell’uso di computer, tablet e soprattutto smartphone.

Dovrebbe imparare a riconoscere i rischi legati alla Rete: non solo il cyberbullismo, ma anche temi quali privacy, sicurezza, rischi penali, dipendenza, uso eccessivo, reputazione e disinformazione.